Yahoo Mail: nuovi sospetti di violazioni

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteAruba aderisce al CISPE per la protezione dei dati nella fornitura di servizi Cloud
  • SuccessivoTrovare lavoro su Facebook è più facile
Yahoo Mail: nuovi sospetti di violazioni

Alcuni utenti che utilizzano il servizio di posta elettronica fornito dal colosso di Sunnyvale avrebbero ricevuto di recente un messaggio nel quale sarebbero stati avvertiti della possibilità di una violazione a danno del proprio account; a inviare questa mail sarebbe stato Bob Lord, responsabile della sicurezza presso Yahoo!.

In sostanza Lord avrebbe reso noto che nel periodo compresto tra il 2015 e il 2016 degli utenti malintenzionati, e fino ad oggi non ancora identificati, avrebbero sfruttato dei cookie generati tramite informazioni trafugate per accedere indebitamente (quindi senza alcuna autorizzazione) agli account coinvolti.

I cookie utilizzati per l'azione malevola sarebbero stati già invalidati, nonostante ciò le probabili vittime sarebbero state invitate a verificare quanto prima che la propria posta non sia stata utilizzata da estranei o per veicolare contenuti sospetti. Sembrerebbe che quanto accaduto possa essere messo in correlazione con un attacco contro Yahoo! verificatosi lo scorso settembre.

L'invito del mittente sarebbe stato quello di modificare la propria password per l'accesso al servizio in modo da evitare ulteriori danni per i dati personali, sarebbe stato poi consigliato il ricorso all'autenticazione a due fattori che permette di proteggere ulteriormente un account trasformando il dispositivo utilizzato in una credenziale d'accesso.

Questa nuova rivelazione sulle falle di sicerezza di Yahoo! arriverebbe a ridosso dell'acquisizione di quest'ultima da parte di Verizon; la nuova proprietà avrebbe richiesto uno "sconto" di 250 milioni di dollari ripetto a quanto precedentemente pattuito e, una volta entrata nella famiglia di Verizon, Yahoo! prenderà il nome di Altaba.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.