Windows 10 non sarà gratuito

Windows 10 non sarà gratuito

Le anticipazioni riguardanti i costi del futuro sistema operativo della Casa di Redmond sarebbero state male interpretate, la stessa azienda statunitense avrebbe deciso di entrare in merito alla questione specificando a chiare lettere che Windows 10 non sarà una piattaforma gratuita e per il suo utilizzo vi sarà un apposito listino.

Per essere precisi, Windows 10 verrà distribuito gratuitamente per un periodo pari ad un anno successivamente al suo rilascio, detto questo gli aggiornamenti rilasciati in seguito dagli sviluppatori dovranno essere pagati; riguardo a quest'ultimo punto non sarebbero però ancora disponibili dettagli certi riguardanti i prezzi

Il passaggio gratuito a Windows 10 avverrà soltanto per alcune tipologie di utenti, e cioè quelli che utilizzano già Windows 7, Windows 8 o Windows Phone 8.1, inoltre, sarà necessario che il terminale sul quale dovrà essere effettuata la migrazione sia compatibile con i requisiti tecnici minimi previsti per l'installazione del software.

Windows 10 verrà fornito in diverse edizioni, motivo per il quale la Microsoft avrebbe già definito un sistema di corrispondenze attraverso cui, ad esempio, chi già possedeva la versione "Home" di Seven passerà a quella "Home" di Windows 10; si andrà poi da "Professional" a "professional" e così via per tutte le altre varianti disponibili.

Secondo alcuni analisti male informati, l'idea del gruppo capiatanato da Satya Nadella sarebbe dovuta essere quella di distribuire gratuitamente Windows 10 al fine di raggiiungere rapidamente il miliardo di installazioni, ma, come ora dimostrato dallo stesso produttore, il modello di business scelto per la piattaforma sarebbe ben diverso.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.