Stuxnet, il worm "radioattivo"

Stuxnet, il worm "radioattivo"

Stuxnet è il nome di un worm, recentemente identificato dalla Symantec, che è stato concepito per uno scopo tanto particolare quanto preoccupante, si tratta infatti della prima minaccia informatica appositamente dedicata al sabotaggio degli impianti per l'arricchimento dell'Uranio.

In particola, Stuxnet mira a cedere il controllo dei convertitori di frequenza nelle mani di utenti non autorizzati, questi ultimi avrebbero così la possibilità di alterare il funzionamento dei motori delle centrali e di compromettere (con esiti imprevedibili) l'esito delle lavorazioni a carico dell'Uranio.

Appare quindi evidente che il worm sia stato realizzato da un esperto del settore, o quanto meno con la consulenza di un esperto, perché le frequenze utilizzate dai motori delle centrali vengono definite sulla base di studi scientifici e non sono sempre le stesse per tutte le fasi dell'arricchimento.

Stuxnet avrebbe già preso di mira alcune centrali situate in Finlandia e in Iran, per il momento non si ha però notizia di alcun sabotaggio; restano da scoprire gli autori del worm e da chiarire le motivazioni cha hanno portato alla sua realizzazione.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.