Lo spam raddoppia

Lo spam raddoppia

Quest'anno, durante il periodo delle feste natalizie, gli spammers hanno deciso di prendersi una pausa e la quantità di spazzatura digitale che invadeva le mailbox è stata tutto sommato sopportabile; ora le feste sono purtroppo finite, sia per gli utenti che per chi ambisce a insozzare le loro mailbox.

Le ultime rilevazioni, indicherebbero che a partire dal 10 Gennaio del 2010, la quantità di spam circolante sarebbe aumentata del 98%, quindi praticamente raddoppiata; al momento il 90% della posta elettronica inviata sarebbe riconducibile ad azioni di spam.

Sotto accusa sono sempre le solite botnet, in particolare Rustock e Xarvester, specializzate nell'invio massivo di advertising non richiesto, ad oggi il paese dal quale proviene la maggior parte della spazzatura digitale sarebbero gli Stati Uniti d'America, con il 18,8% sul totale.

Ma il fastidioso spam non proviene unicamente dagli USA, l'India e il Brasile occupano il secondo e il terzo posto nella classifica dei produttori di email indesiderate; l'Italia occupa invece il settimo posto con una tendenza al peggioramento, nel 2010 eravamo al decimo.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.