La polizia sequestra i server di The Pirate Bay

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteI nomi a dominio compiono 25 anni
  • SuccessivoSamsung all'attacco: l'iPhone 5 ha violato 8 brevetti
La polizia sequestra i server di The Pirate Bay

Gli uomini delle forze dell'ordine svedesi si sono presentati con un mandato di perquisizione presso i data center della PeRiQuito AB, il provider di The Pirate Bay; a conclusione dell'operazione sono stati posti sotto sequestro 4 server; l'accusa è quella di violazione di copyright.

Il rapporto tra la Baia e la PRQ sarebbe molto più stretto di quello che generalmente intercorre tra un cliente e un fornitore, il provider avrebbe infatti tra i suoi fondatori Gottfrid Svartholm e Fredrik Neij, due componenti particolarmente attivi del tracker BitTorrent più noto della Rete.

La PRQ sarebbe poi conosciuta per una lista di committenti particolarmente variegata tra cui i ribelli cecenini, alcuni dei cyberlocker più perseguiti per questioni inerenti la violazione delle proprietà intellettuali, WikiLeaks e portali più volte segnalati per attività al confine tra il legale e l'illegale.

Il provider scandinavo non dovrebbe comunque correre alcun rischio (se non la perdita temporanea di alcune sue infrastrutture), questo perché una normativa in vigore in Svezia specificherebbe che i provider non sarebbero obbligati a monitorare i contenuti veicolati tramite i propri server.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.