La Ministra Pisano vuole un Cloud italiano

La Ministra Pisano vuole un Cloud italiano

Secondo la Ministra dell'Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione Paola Pisano, l'Italia dovrebbe dotarsi di un'infrastruttura Cloud nazionale grazie alla quale mettere il Paese al riparo dalle instabilità geopolitiche che potrebbero verificarsi (e in parte si starebbero già verificando) a livello mondiale. Ad oggi infatti non solo la Penisola, ma l'ntera Europa, sarebbe dipendente da piattaforme localizzate all'estero.

Una nazione come l'Italia può affidare la quasi totalità dei suoi dati a servizi di storage e di eleborazione erogati da società situate oltreconfine? La Ministra avrebbe individuato alcune criticità nell'attuale esternalizzazione e sarebbe del parere che la Pubblica Amministrazione italiana dovrebbe fare riferimento ad un Cloud nostrano perché i dati possano essere considerati al sicuro.

A tal proposito sarebbe già operativo un gruppo di lavoro che vede coinvolti, oltre alla Presidenza del Consiglio, anche il il MEF (Ministero dell'economia e delle finanze), il MiSE (Ministero dello sviluppo economico), il Ministero della Difesa e il Ministero degli Interni. Lo scopo è quello di individuare una soluzioni che possa essere poi federata in un più vasto Cloud europeo.

Nell'iniziativa è coinvolto naturalmente anche Luca Attias, Commissario Straordinario per l'attuazione dell'Agenda Digitale nonché responsabile del Team per la Trasformazione Digitale. Nonostante le personalità citate, ad oggi quello di un Cloud nazionale sebrerebbe essere però un progetto particolarmente ambizioso considerando i ritardi della PA italiana in termini di digitalizzazione.

L'importanza di un'infrastruttura di questo genere non è però da sottovalutare, tenendo conto soprattutto del processo di smaterializzazione che stanno subendo (o dovrebbero subire a breve) diversi documenti prima gestiti in formato cartaceo. Questo fenomeno moltiplicherà in modo esponenziale la quantità di dati sensibili gestiti digitalmente dalle amminsitrazioni.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.