Microsoft punta 1 miliardo di dollari su OpenAI

Microsoft punta 1 miliardo di dollari su OpenAI

La Casa di Redmond ha deciso di investire 1 miliardo di dollari su OpenAI, progetto che ha l'obbiettivo di sviluppare tecnologie per l'Intelligenza Artificiale che siano libere aperte e disponibili per tutti. Scopo di questa iniziativa è naturalmente quello di favorire l'evoluzione di Azure, l'infrastruttura Cloud targata Microsoft ormai sempre più centrale nel business della compagnia.

La neonata partnership sarà incentrata in particolare sullo studio dell'AGI (Artificial General Intelligence) che è sostanzialmente un nuovo modello per la creazione di soluzioni basate sull'AI. Fino ad ora infatti l'approccio allo sviluppo di queste ultime è stato estremamente specifico, mentre Satya Nadella e soci mirano a padroneggiare algoritmi che siano in grado di gestire più compiti.

Al fine di chiarire la differenza tra l'AGI e il modello corrente, i portavoce di Redmond hanno dichiarato che ad oggi si lavora tentando di creare dei Turing o dei Bach "artificiali" (tanto per riferirsi ad alcuni dei più grandi geni della Storia), mentre l'AGI consentirà di addestrare e di gestire delle AI che siano quanto più possibile multidisciplinari.

Mettendo in connessione conoscenze di diversa natura sarà possibile risolvere un maggior numero di problemi in tempi estremamente più rapidi di quelli attuali. L'Intelligenza Artificiale diventerà così sempre più "naturale" e potrà essere utilizzata con diversi benefici in settori come quello della formazione personalizzata e della sanità.

In seguito all'accordo, e al cospicuo finanziamento, i ricercatori di Open Ai dovranno migrare tutti i propri servizi su Azure, sfruttandone l'imponente capacità di elaborazione dei dati. In cambio Microsoft diventerà un parner privilegiato di OpenAI per tutte le nuove tecnologie che verranno commercializzate grazie alla collaborazione in atto.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.