Google lancia le Security Key

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteFacebook penalizza (ancora) i produttori di contenuti
  • SuccessivoGoogle diventa provider Wireless
Google lancia le Security Key

Le Security Key sono dei device USB messi a disposizione da Mountain View che dovrebbero semplificare le procedure di autenticazione rendendole nel contempo più sicure; per quanto più affidabili della vecchia "password", i sistemi basati sull'autenticazione a due fattori forniti fino ad ora risultano infatti piuttosto macchinosi.

Le Security Key non sono una novità completa, questo perché i portavoce di Google avevano diffuso qualche anticipazione a riguardo nel corso dell'ultimo trimestre del 2014; la loro realizzazione è stata possibile grazie ad una collaborazione tra la stessa Big G e il consorzio High Tech denominato FIDO (Fast IDentity Online) Alliance.

Dal punto di vista delle specifiche tecniche integrate nel progetto, le Security Key sono dei dispositivi (o token) collegabili a dei connettori USB e compatibili con il protocollo chiamato U2F (acronimo di Universal 2nd Factor) un authentication standard aperto concepito, almeno nella sua fase iniziale, per l'utilizzo in ambito enterprise.

Il device funziona in modo molto semplice: lo si collega ad un computer o altro terminale dotato di una porta USB e si preme l'apposito pulsante presente sulla scocca della Security Key; fatto questo l'autenticazione avverrà in maniera del tutto automatica, per cui l'utente non dovrà digitare codici per il riconoscimento o altre credenziali.

Una delle caretteristiche che dovrebbero rendere questo dispositivo particolarmente diffuso è la sua econimicità, potrà infatti essere acquistato spendendo all'incirca 6 euro; riguardo alla distribuzione commerciale è da sottolineare che Google non si occuperà direttamente della vendita; garantita la compatibilità con ChromeOS, Windows, (Mac) OS X e distro Linux.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.