Google combatte il phishing con Password Alert

Google combatte il phishing con Password Alert

Password Alert è una nuova piattaforma realizzata dagli sviluppatori di Mountain View con l'intenzione di introdurre uno strumento innovativo per la lotta al phishing, cioè quella tecnica truffaldina con la quale i Cyber Criminali provano a carpire informazioni personali e sensibili agli utenti ingannandoli con posta elettronica e messaggi all'apparenza innocui.

In sostanza Password Alert non è altro che un'estensione gratuita per il browser Web Google Chrome che svolge il compito di avvisare gli utilizzatori ogni volta che viene inserita la password relativa al proprio Google Account in un sito Internet che non appartiene al network del gruppo californiano e, plausibilmente, finge di esserlo.

L'efficacia di tale feature dovrebbe rivelarsi proprio garantendo questo tipo di protezione, infatti in phishing si basa in particolar modo sull'imitazione di servizi realmente esistenti, pagine Web identiche a quelle originali vengono spesso spacciate per genuine in modo che gli utenti siano disposti a cedere dati che dovrebbero invece rimanere segreti.

Oltre a limitare le truffe online, Password Alert vuole rappresentare anche un incentivo all'utilizzo di diverse password per l'accesso a piattaforme differenti; oltre che avvisare dell'imminente pericolo tale funzionalità provvederà anche a consigliare la modifica delle credenziali utilizzate per godere di un maggior livello di sicurezza.

Secondo quanto rivelato dagli stessi portavoce di Big G, attualmente ben il 2% dei messaggi di posta elettronica inviati verso il servizio Webmail di GMail sarebbe riconducibile a tentativi di phishing; nel caso delle truffe meglio organizzate queste avrebbero almeno il 45% di possibilità di andare in porto con un danno per gli utenti.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.