Facebook investe sulle startup

Facebook investe sulle startup

Secondo gli analisti di Axios il gruppo capitanato da Mark Zuckerberg starebbe programmando di destinare una parte rilevante dei propri capitali ad investimenti economici sulle startup, in sostanza Menlo Park avrebbe deciso di tenersi pronta per quando il mercato farà emergere la "Facebook" del futuro, indipendentemente dal suo settore di riferimento.

I dirigenti di Facebook si sono sempre dimostati abili nel creare nuove società controllate, basti pensare alle acquisizione di realtà come Instagram e WhatsApp. L'operazione che ha coinvolto Oculus VR è stata forse meno remunerativa nell'immediato, ma è probabile che nei prossimi anni sia destinata a rivelarsi più preziosa di quanto appare oggi.

L'idea è quindi quella di estendere le proprie partecipazioni in progetti innovativi di terze parti nell'attesa che almeno parte di essi si rivelino delle "unicorn", termine con la quale vengono definite le startup il cui valore supera il miliardo di dollari prima ancora di lanciare un'IPO (Initial Public Offering) per il debutto azionario in Borsa.

L'iniziativa potrebbe rivelarsi particolarmente importante in un momento in cui diverse startup devono fare i conti con gli effetti devastanti per l'economia dell'emergenza dovuta alla pandemia di Coronavirus (Sars-Cov-2), nel periodo di lockdown infatti diversi venture capitalist hanno deciso di congelare gli investimenti in vista di tempi migliori.

In assenza di maggiori dettagli, parliamo in fin dei conti di indiscrezioni per quanto provenienti da fonti affidabili, è difficile capire se le startup finanziate verranno scelte in base alle opportunità di integrazione con l'infrastruttura di Facebook. E' però possibile che l'approccio si riveli completamente diverso nel caso in cui l'intenzione sia quella di differenziare il business.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.