Facebook cerca di contrastare la fuga dei brand

  • ForumDiscuti sul forum
  • PrecedenteUn sigillo per garantire la sicurezza dell'e-commerce
  • SuccessivoBloccati i download da DDLHITS
Facebook cerca di contrastare la fuga dei brand

Alcune importanti aziende avrebbero sospeso le proprie campagne pubblicitarie sul Sito in Blue per motivazioni ricollegabili alla moderazione dei contenuti; il timore sarebbe che vedere il proprio advertising associato a contributi non di rado offensivi potrebbe alla lunga danneggiare un brand.

Tra i colossi che avrebbero bloccato i propri annunci su Facebook vi sarebbero anche Nissan, Unilever e Nationwide, in alcuni casi la dismissione sarebbe avvenuta in seguito alla pubblicazione di commenti pesantemente negativi e probabilmente ritenuti ingiustificati.

Tale fenomeno sarebbe una diretta conseguenza della pubblicità contestuale che permette la generazione sul social network di annunci modellati in base agli interessi degli utenti; un sistema che però avrebbe determinato anche un incremento a carico dei profitti da advertising per Mark Zuckerberg e soci.

Ora i vertici di Menlo Park sarebbero costretti a correre ai ripari mediando tra istanze dei brand e opportunità di guadagno, al momento l'unica soluzione praticabile sarebbe quella relativa ad un'importante revisione delle regole per la moderazione dei post.

I commenti degli utenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.

Commenti

I commenti sono sottoposti alle linee guida di moderazione e prima di essere visibili devono essere approvati da un moderatore.